• graphics
  • graphics

Progetto Annuale

  • graphics
  • graphics

“(non) VEDO, (non) PARLO, (non) SENTO”

La scuola è spazio di apprendimento e anche in questo particolare momento non può abdicare alla propria funzione. Con urgenza si pone la finalità di accompagnare i bambini a vedere, ascoltare, comprendere la realtà in cui già ora sono chiamati a vivere, mettendo loro a disposizione gli strumenti perché possano adesso, e non solo da adulti, aprirsi con positività e fiducia al mondo. L’esperienza della pandemia, e delle sue conseguenze concrete, costituisce un vissuto imprescindibile, le cui implicazioni non possono essere ignorate nella progettazione del percorso formativo. Del resto, il superamento delle paure più o meno esplicitate, la riconquista della fiducia in sé e negli altri, la risposta concreta al bisogno di relazione e socialità, sono i presupposti fondamentali di qualsiasi processo di apprendimento.
Il percorso formativo si concentrerà sulla maturazione di conoscenze e abilità emotive -l’altro non mi fa paura- corporee -mi prendo cura di me stesso, della mia salute di quella di chi mi sta intorno- relazionali -posso creare vicinanza, costruire gruppo,occasioni di gioco, scoperta,aiuto anche nella distanza – etiche – scopro l’importanza delle regole- religiose e spirituali – l’altro è mio prossimo, lo rispetto.
La chiusura alla realtà che impedisce la crescita è espressa nella negazione “NON” nel titolo dato al Progetto. In alternativa si coinvolgeranno i bambini in un percorso di apertura e scoperta fiduciosa di quanto possiamo imparare guardando, raccontando, ascoltando.


La scimmietta Sandra (elemento motivazionale, che riprende un simbolo iconico ricorrente nel linguaggio digitale) ci accompagnerà nelle varie esperienze.
Le proposte, organizzate in Unità di Apprendimento coinvolgeranno tutti i Campi di Esperienza( Indicazioni Ministeriali).
Il contenuto delle varie tappe sarà proposto ai bambini per fasce d’età, nel rispetto delle abilità/conoscenze di partenza e dei traguardi di competenza da raggiungere.
Le rielaborazioni (attività grafo/pittoriche, manipolative, metalinguistiche, giocodramma, attività psicomotorie, verbalizzazioni, ecc) saranno raccolte nell’album personale.